Tag

,

Precisazioni

Poiché il libro del Sig. Montignac che sto usando per questi appunti consta di circa 300 pagine, appare del tutto riduttivo e sbrigativo condensarlo in poche pagine, e personalmente non vorrei fargli un torto semplificando in modo arbitrario e semplicistico le sue conclusioni, peraltro frutto di ampie ricerche protratte nel tempo. Tuttavia, anche se io non sono nessuno, l’ho provata e, anche se non ho seguito perfettamente tutte le direttive, posso dire di averne tratto gran giovamento.

 

Ricordo che, le indicazioni sono generiche e SINTETICHE.

Il consiglio personale è quello di provare la dieta per 1-2 settimane.

Se si mangia correttamente e si vedono i risultati (si vedono!!!) allora potete decidere di acquistare il manuale, di studiarlo per benino e di approfondire l’argomento e seguire la dieta in modo puntuale.

 

Altra piccola precisazione.

Di seguito riporto delle tabelle per COLAZIONI DOLCI  (>no colazioni salate)

SUGGERIMENTI ED ESEMPI DI COLAZIONE DOLCE.

Seguiranno CONSIGLI PER PRANZI E CENE EQUILIBRATE, CONTORNI , CONDIMENTI, ESEMPI DI MENU’ EQUILIBRATI.

 

Questo è un blog, e non un sito di diete.

Lo scopo di questi interventi ( che ho cercato di pubblicare tutti insiemi) è di far conoscere l’esistenza di questa dieta, e il suo valore dal punto di vista del conseguimento e del mantenimento di una buona forma fisica e mentale.

Quindi naturalmente molte cose sono state omesse, (volontariamente  e/o involontariamente).

Intanto perché NON E’ LECITO VIOLARE IL COPYRIRIGHT  DI UN AUTORE, NE SVALUTARNE  L’OPERATO  CON UNA SEMPLICE OPERAZIONE  DI COPIA/INCOLLA e poi perché  LA DIETA MONTIGNAC E I SUOI CONSIGLI RAPPRESENTANO UNA VOCE FUORI DAL CORO che per l’interesse che suscita MERITA UN ESAME PIU’ ATTENTO  E NON  L’ETICHETTA DI “ DIETA ALLA MODA” .

Non sarà forse perché QUESTA DIETA NON NECESSITA DI INTEGRATORI ALIMENTARI, PASTI IN BUSTA  E MERENDINE  ACQUISTABILI PRONTI IN FARMACIA MA SEMPLICEMENTE  CONSIGLIA DI ABBANDONARE O RIDURRE UNA BUONA QUANTITA’ DI ALIMENTI “MODIFICATI STRUTTURALMENTE DALLA LAVORAZIONE INDUSTRIALE?”

 

A qualcuno non viene il dubbio che la presenza di un così alto tasso di obesi e persone in soprappeso nei paesi “DEL BENESSERE”  sia legato non soltanto alla vita sedentaria E AL POCO MOVIMENTO  ma anche a una cattiva , “CATTIVISSIMA” ALIMENTAZIONE?  PERCHE’ NEI SUPERMERCATI  NON RIUSCIAMO A TROVARE CHE PRODOTTI  MODIFICATI NEL GUSTO, UNIFORMATI TRA LORO, RICCHI DI GRASSI IDROGENATI, CONSERVANTI E COLORANTI E CHISSA QUALI ALTRE PORCHERIE? Non sta a me contestare le regole del mercato.

E non credo che l’obbligo di legge di illustrare i contenuti sulle etichette risolverà il problema.

Ma forse è un inizio.

Chissà! Forse re-imparare a mangiare meglio per stare bene non è un’utopia.

Forse essere grassi non è una colpa solo individuale.

Ma cercare di stare bene è un DIRITTO-DOVERE a cui nessuno dovrebbe sottrarsi.